venerdì 14 gennaio 2011

A' Famigghia

[...]"Vittorio Sgarbi ha voluto sottolineare che l'iniziativa (il calendario) è sostenuta dal Patrocinio della Presidenza del Consiglio, che appunto “sostiene le fighe piuttosto che i gay” (riferendosi alla frase del Presidente Berlusconi "meglio guardare le belle ragazze che essere gay"), quindi rientra "nella politica di famiglia"; infatti definisce Toscani "un signore che pipa poco e quindi guarda le fighe giovani"[...].

Ora il problema non è il calendario di Toscani. Anche se chiamare in causa Mapplethorpe è davvero azzardato, solo perché non gli è venuto in mente Courbet, suppongo. Anche se, a pensarci bene, dubito che Mapplethorpe si sia fatto sponsorizzare i suoi lavori da un consorzio di pellame. Toscani, che rivendica con orgoglio il fatto di non essere un pubblicitario, se davvero erano anni che lo sognava un calendario così poteva farlo anche senza sponsor, o no? Comunque, dicevo, il problema non è questo, ma tutto il corollario, da Crepet a Sgarbi, passando per la signora Ripa di Meana, con la loro filosofia spicciola, che divide il mondo in fighe di legno e donne scopabili. Meglio se con il sostegno e il patrocinio del PdC. Nauseanti.

2 commenti:

  1. ops, per un attimo ho tradotto PdC con partito del cazzo

    RispondiElimina
  2. Un uomo, un partito. si equivalgono.

    RispondiElimina