domenica 1 giugno 2014

Il Florilegio del Venerdì [anche se ormai è domenica]

In ritardo, lo so, ma non credo che si timbri un cartellino, vero?
Il blog che segnalo questa settimana l'ho conosciuto grazie alle frequentazioni di Dantés e Poison.
E' un blog per appassionati di cinema, di musica, di serie televisive, di cultura pop nel senso lato del termine: Pensieri Cannibali.
L'autore è giornalista, blogger, ma soprattutto appassionato e basta dare un'occhiata al blog per capire che non scrittura occasionale si tratta.
Al di là della ripartizione in rubriche, sempre comoda per leggere ciò che più interessa, due sono per me le sezioni "cult" di questo blog: Le Top 10 cannibali (Rob Fleming non solo ha lasciato il segno ma raddoppia pure) e Blog Wars, la disfida a colpi di classifiche e recensioni con il "rivale" (si fa per dire) WhiteRussian.
Se vi piace il genere, io un giro ve lo consiglio.


5 commenti:

  1. perchè non approfittare di questa dritta? grazie! :)

    RispondiElimina
  2. Buongiorno Miti , lo conoscevo questo blog ed ogni tanto ci transito , niente male , grazie di avermelo rispoleverato alla memoria

    RispondiElimina
  3. stradanelbosco1 giugno 2014 20:04

    Ciao, Regina SANDALOS!!! non conoscevo nulla del genere. Eccp perchè mi fa piacerissimo sta tua gentile segnalazione di blog, proprio per colmare la mia lacuna, , una delle tantissimissimeissime!! Ti mando un grande saluto! in bocca al lupo per la tua attività! tt

    RispondiElimina
  4. sìììììììììììììììììììì mi piace un mucchio!me lo segno:-P

    RispondiElimina
  5. mi ci perdo, un po' tanta roba. Dovrò guardarlo con più calma, probabilmente.
    In generale non amo i blog di recensioni: mi deludono immancabilmente. Probabilmente chi li legge si aspetta di trovare un gusto che corrisponde al proprio ed è normale che non sia così. Vorrei un blog che non personalizzasse troppo, che desse giudizi "tecnici", ma non ne trovo. E allora, se devo leggere i soggettivi commenti altrui, che regolarmente non corrispondono ai miei, preferisco lasciar perdere.

    RispondiElimina