mercoledì 22 gennaio 2014

Elevate conversazioni alla macchinetta del caffè

- Belle le tue scarpe all'inglese!
- Soprattutto comode. Ci posso girare bene gli alluci.
- In effetti è una scuola di pensiero anche questa.
- Il mio mentore è Pippi Calzelunghe. Non puoi ragionare bene con le dita dei piedi compresse.

Solo mezzora dopo mi sono resa conto delle sue décolletées con tacco a stiletto e una punta classificabile senza timore tra le armi contundenti. Devo farli girare un po' di più questi alluci, mi sa.

Giusto a scanso di equivoci, la "mia" Pippi è questa qui. 
anzi

questa.

[...] Infine non bisogna dimenticare le sue scarpe nere, lunghe esattamente il doppio dei suoi piedi: gliele aveva comprate il suo papà nel sud America, grandi così perché i piedi di Pippi potessero crescervi a loro agio, e lei non aveva mai voluto calzarne delle altre.[...] Astrid Lindgren

9 commenti:

  1. Basta non sia ippica!!!
    p.s. segnati questo numero e decifralo 25-2-14. ti aggiungo un dettaglio utile: S.

    RispondiElimina
  2. La pausa caffè è un momento di realax nel quale si può parlare di tutto, anche di scarpe :-)))
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, vero. Però i neuroni potrei anche non mandarli del tutto in pausa! :)

      Elimina
  3. pippi - stradanelbosco23 gennaio 2014 08:04

    ma lo sai che io fin dalla nascita mi chiamo " pippi", perchè dalle mie parti il diminutivo di giuseppe, è pippiu! E vale per maschi e femmine!! Io per tutti sono pippi!! che tu lo voglia o no!! :))) Se uno mi chiama " giuseppe" per la sytrada, non mi giro nemmeno. Così va il mondo! Ciao regina! pippi

    RispondiElimina
  4. ti ricordavo le tue promesse, ovvero di farmi leggere qualcosa di tuo! Ma se proprio non vuoi....leggerò i Promessi Sposi"

    RispondiElimina
  5. Pippi Calzelunghe!Quanti ricordi,lo ricevetti per la prima comunione.Astrid Lindgren era un genio:-)

    RispondiElimina