martedì 11 marzo 2014

I cento giorni

Un paio di cose invidio degli usi e costumi degli studenti di oggi. Per me, cresciuta in anni in cui la ritualità era quella di San Firmino (e ho detto tutto), oltre alla coroncina di alloro il giorno della laurea fa anche invidia la cerimonia dei cento giorni alla maturità.
Vedendo stamane ragazzi normalmente in tuta e ragazze solitamente in jeans andare a scuola in giacca e camicia (sì, qualcuno ha osato pure la cravatta) e con l'abitino bon ton per tacer di quelli zavorrati di tutto l'armamentario necessario alla messa in scena "particolare" mi è venuta un po' di nostalgia di quegli anni lì. Di quando il futuro era ancora pieno di possibilità e sembrava solo da cogliere.
Le due creature già maturate scelsero rispettivamente la foto bon ton e il tableau vivant ambientato nel classicissimo Olimpo. Negli annali sono entrate nella leggenda foto in ambiente marino, a sognare una vacanza ancora lontana, tableaux in stile Foro Romano e ricostruzioni di Ruggenti Anni Venti mai conosciuti forse nemmeno nei libri di storia.
Sempre meglio che gli stucchevolissimi e inutilissimi ricordi di parlamentari e ministri, raccolti, non si sa bene perché, da Repubblica. En passant, io non li ho ascoltati, mi è bastato il titolo.

Infine, una risposta al post precedente. Il mio fine settimana di lavoro è trascorso qui, a cavallo di un sabato ad Amburgo e una domenica ad Hannover. 



p.s. Nella seconda foto in alto: sì, confermo, è un lucchetto. Moccia non la pagherà mai abbastanza.

16 commenti:

  1. Ho visto lucchetti anche sul Golden Gate. Moccia non la pagherà mai abbastanza, come hai ragione.

    RispondiElimina
  2. io non mi ricordo di aver festeggiato i 100 giorni, forse allora non si usava, o non si usava nel mio liceo, oddio ai lucchetti sul golden gate non ho fatto caso ma l'ho attraversato in una giornata nebbiosa, la prossima volta che vado a trovare mia figlia li fotograferò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno da me si usava. Sa queste parti l'ho vista solo quando è toccato alle mie figlie, però posso anche essermi persa qualcosa per strada.
      Quanto ai lucchetti, temo che abbia contagiato mezzo mondo. Puniamolo.

      Elimina
  3. bisognerebbe inventarsi una 100 giorni anche noi genitori! In fondo la maturità la paghiamo quanto loro, se non di più.:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due maturità già alle spalle, una ancora da venire. Scontate fino all'ultima goccia, giuro.

      Elimina
  4. stradanelbosco12 marzo 2014 21:23

    da me si chiama " MAK P 100" ( mancano appena 100 giorni) ed è na festa grandiosa! mi toccò in sorte na debuttante n'somma!!! va bè, era la seconda volta che debuttava, poverina. Ma io la feci sentire la più bella del mondo, ma io che non sapevo il valzer , le pestavo i piedi, mannaggi,ma lei non ci badava e sorrideva! non le sarò mai abbastanza riconoscente! Siamo rimasti amici , qualche volta ci sentiamo. Nostalgia? hai ragione e pure tanta. Moccia? chi è? scusami, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi che non è una cosa nuova? Lo sapevo io! Quindi una sorta di gran ballo, interessante. Moccia, già Moccia. Moccia è un sedicente scrittore che ha fatto fortuna con un cosiddetto romanzo adolescenziale, Tre metri sopra il cielo. E i protagonisti attaccavano il lucchetto con le iniziali su Ponte Milvio. Je possino...

      Elimina
  5. Il mac P l'ho fatto, e ricordo anche di essere stato bisticciato per alcuni mesi con mio padre perchè io volevo andarci con la macchina e lui non me la volle dare! :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche per te era un ballo? (questa cosa me la dovete spiegare, gli uomini lo conoscono, le donne no. Questione di genere, oltre che generazionale?)

      Elimina
  6. Io non l'ho mai nemmeno sentito nominare (buààà) da noi non si faceva :-( Ma vissi il mio folle autunno dorato,oh sì :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai sei in buona compagnia. Nessuna delle fanciulle a quanto pare ne conosceva l'esistenza :D

      Elimina
  7. Amburgo,ovviamente ho pensato ai miei adorati fab four e ai loro anni dorati :-)))

    RispondiElimina
  8. stradanelbosco14 marzo 2014 16:16

    commare SANDALOS, da me ti ho scritto le ricette dela puccia e de lu pizzu! Se le vuoi vedere tocca vveni cu mme trovi!! servo vostro! tt

    RispondiElimina
  9. dai noi per i 100 giorni si va Pisa e si fanno cose 100 volte: cento pacche sul sedere 100 foto ecc. molto goliardico direi, ma ai mei tempi non usava ancora e sono passati solo 17 anni, come non usava nemmeno 10 anni mettersi la corona d'alloro per la laurea... ah quella l'avrei proprio voluta, non me la serei mai tolta!

    RispondiElimina